Strix

Strix

allestito e rappresentato nel Centro Storico di Merano – anno 2001

in collaborazione con UPAD Merano

Per palcoscenico la città, le sue strade, le sue piazze. E così attori e spettatori si sono mossi insieme sulla scena. Spettacolo nello spettacolo, in una fusione osmotica, con una partecipazione di interscambio attiva, viva, vivace.  

Un esempio estremamente creativo di teatro di strada in formula autentica. Nel titolo della rappresentazione, un significato ed un messaggio importante. Caccia alle streghe come atto persecutorio contro determinate persone per le loro idee politiche, religiose, comunque in contrasto con quelle della maggioranza e che alla maggioranza appaiono pericolose. Il debole, il diverso, che vuol far sentire la propria voce.”

Tra gli attori anche persone diverse con problemi psichici. “La funzione di questo nostro agire teatrale – ha detto il regista – credo si possa leggere nelle necessità di lavare quei panni sporchi che nessuno ha più la forza e il coraggio di toccare.” (Riccardo Bucci – Il Mattino)

con Paolo Vicentini, Paola Segala, Valentina Vizzi, Evi Unterthiner, Giulia Franchi, 
Elena Franchi, Nadia Matterei, Milko Nardelli, Marco Fasan, Mirella Chesini, Mara Nietsch,
Inge Burgio, Roberto Cazzolli, Stefano Bernardi, Ferndanda Costalonga, Letizia Aguanno,
Erika Leeg, Lucia De Benedetto, Maurizio Da Canal, Elmar Dirler, Roberto Morello

musicisti Alessandro D’Alessandro, Sandro Caminiti, Mauro Lazzaretto, Carlos Rossini

Ideazione e regia Giovanni Zurzolo
aiuto regia Elena Franchi
consulenza drammaturgia Francesco Redavid, Rosanna Pruccoli
organizzazione Andrea Rossi, Giorgio Loner, Cinzia Trisolini
con la partecipazione del Coro Concordia Merano 
consulenza musicale Marcello Fera
costumi Renata Zurzolo
scenografia e tecnica Iosu Lezameta, Elmar Dirler, Roberto Morello
grafica Alessandra Marcucci
foto Marco Nietsch

rappresentato a Merano e Trento

con il contributo
Provincia Autonoma di Bolzano, Comune di Merano e Centro di Salute Mentale - ASL

Vincitore del Premio 2001 “Innovazione e collaborazione”
indetto dalla Giunta della Provincia Autonoma di Bolzano. 
Definito dalla critica uno straordinario spettacolo all'aperto, che coniuga la tradizione
dello spettacolo itinerante in contesto urbano con la tradizione della processione,
veicolando la tematica dei processi per stregoneria, dell'intolleranza e delle persecuzioni delle diversità di pensiero. Una modalità espressiva e partecipativa di comunità fortemente contemporanea.

DICONO DELLO SPETTACOLO – DELL’ ESPERIENZA

Elena FranchiTESTO

Andrea RossiTESTO

Lorenzo TeresiniTESTO

Marcello FeraTESTO

Paolo VicentiniTESTO

Recensioni ARTICOLI

Trailer: Ding, Dong… Passport

LECTURE PERFORMANCE

Zeitdokument teatroZAPPAtheater

8. 11. 2019

Centro per la Cultura/ Kulturzentrum Meran